Go to Top

Come proteggersi dai cryptolocker virus

I computer sotto assedio. La Polizia Postale lancia l’allarme: in questo periodo sta circolando un virus che contiene come allegato un file con estensione “.cab”.

Anche i pc di alcuni nostri clienti infettati. Se per caso avete ricevuto un’email sospetta che vi suggerisce di scaricare un file in allegato con estensione .cab, non apritelo! Ma vediamo meglio di cosa si tratta…


Di quale virus si tratta?

I file in questione che ricevete nelle email sarebbero dei virus, tra i quali i virus “Cryptolocker“, cioè “cavalli di troia”, una forma di ransomware che infetta i sistemi Windows e che consiste nel criptare i dati della vittima e richiedere un pagamento per la decrittazione. Il termine ransomware deriva dall’unione delle parole ransom (riscatto) e software, in pratica un programma creato per bloccare il proprio computer o l’accesso ai propri dati. Il pirata informatico chiede poi un riscatto, solitamente in Bitcoin (moneta virtuale non tracciabile), per riavere la disponibilità delle proprie informazioni.  Solo con la chiave in possesso dei malviventi è possibile riaverli, ma non sempre, pur pagando, la chiave verrà spedita.

Cryptolocker virus

Come è possibile proteggersi?

  • Innanzitutto è necessario, e sempre consigliabile, effettuare periodici backup così da conservare tutti i dati presenti sui pc e poteri ripristinare in caso di emergenza.
  • Quando si riceve una email sospetta, per esempio da “Agensia delle Entrate”, che contiene un file allegato con estensione .cab, non aprire assolutamente il file e cancellare il messaggio.
  • Se si è cascati nelle mani dell’hacker consigliamo comunque di non cedere al ricatto e di sporgere denuncia presso la Polizia Postale.

 

Dibix, nel tutelare tutti i clienti che dispongono di un servizio hosting presso di noi, ha provveduto a bloccare tutte le email contenenti file .cab per evitare che possiate riceverle.

 

 

, , ,